IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

ASCOLTACI!

LICENZA SIAE 202200000075 | LICENZA SCF 937/14 | C.F. 97703440152

© 2008-2022 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Iniziativa realizzata con il contributo del POLITECNICO DI MILANO

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

Dans la mesure de l’impossible
- Festival "Presente Indicativo" pt. 6
   31 Mag 2022   |     Redazione   |     Arianna Mosconi   |     permalink   |      commenti
Il Piccolo Teatro, e il suo Festival Presente Indicativo, non si ferma - e nemmeno noi smettiamo di seguirlo.
Continuiamo perciò alla volte di "Dans la mesure de l’impossible", con testo e regia Tiago Rodrigues, a Teatro Strehler.

Come si realizza un'opera sulla realtà delle missioni umanitarie?
Come far sentire il pubblico lì, nei luoghi devastati dalla fame, dalla guerra, dalla Storia?

Dans la mesure de l’impossible parte da questa domanda, e risponde con gli aneddoti di quattro volontari di associazioni umanitarie, che raccontano di due mondi. Il primo è il Possibile, con la sua acqua corrente a volontà e i suoi negozi pieni. L'altro è il mondo capovolto, l'Impossibile.
Raccontano di miracoli e di tragedie, di difficoltà, delusioni e traguardi, ma tra le righe non possono che raccontare anche sé stessi, creature peculiari in bilico fra un mondo e l'altro, frontalieri tra il possibile e l'impossibile.

Ma non c'è rischio di tralasciare la forma in favore della sostanza.
Lo spettacolo, parte integrante della serie Presente Indicativo, fa brillare il Piccolo Teatro di luci calde e soffuse, riflesse sulla tenda da campo che fa così elegantemente da sipario. La tela si solleva e si inabissa sulle impeccabili prove dei quattro attori, che fanno tuonare il palco in francese, in inglese e con qualche altra sorpresa (seguiti perfettamente dai sottotitoli, tranquilli).
Un quadro accompagnato dal cuore pulsante e sempre presente di percussioni realizzate proprio di fronte ai nostri occhi: così, sulle note dei racconti di missioni impossibili, il percussionista, come un fabbro silenzioso, crea una colonna sonora ora incessante, ora avvolgente.

Un viaggio nel cuore degli uomini, dei signori della guerra, dei bambini innocenti e dalle madri che non perdono mai la speranza, e infine dei volontari che silenziosamente danno il loro meglio - non per cambiare il mondo, ma per dargli ancora un po' di tempo.

Siamo sempre più appassionati di questo Festival, che ci sta regalando sorprese sempre più grandi, facendoci immergere in diverse e sempre nuove culture teatrali. Potete trovare tutte le informazioni legate allo spettacolo qui: www.piccoloteatro.org/it/2021-2022/dans-la-mesure-de-l-impossible

Ci vediamo a teatro!
aiuto, piccolo, teatro, umanita