IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

ASCOLTACI!

LICENZA SIAE 202200000075 | LICENZA SCF 937/14 | C.F. 97703440152

© 2008-2022 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Iniziativa realizzata con il contributo del POLITECNICO DI MILANO

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

My Place
Tentativi di evasione da un corpo che non è più casa
   18 Nov 2022   |     Redazione   |     Laura Casella   |     permalink   |      commenti
Come arrivare a casa di qualcuno, quando si varca la soglia dell’ ingresso del teatro Litta l’ambiente è confidenziale. Sembra che le persone sul palco si stiano ancora preparando per l’ esibizione. Donne in biancheria intima o accappatoio che camminano anche tra i posti in platea per sincerarsi che tra i nuovi ospiti vada tutto bene.

Da quando inizia lo spettacolo, però, tutto verte e punta all’evasione da questo “contenitore” fisico, materiale, pesante. Un po’ perché sfrattate da agenti esterni, un po’ perché non ci si riconosce più, ma soprattutto perché questo viene percepito come ostacolo opprimente alla propria sensazione di libertà.

La casa a cui si fa riferimento, però, non è quella in mattoni, il rimando è infatti al nostro corpo, al corpo di ognuna delle tre donne che sul palco alternano rituali, danze, urla, movimenti che servono ad alleggerire il peso accumulato e incamerato dentro uno spazio ormai stretto.

Pochi dialoghi ma tanto desiderio di coinvolgere gli spettatori per trasmettere questo bisogno impellente che diventa una priorità sfogare, senza la preoccupazione di attenersi ad una formalità consueta al luogo e alla socialità.

Giochi di luci, canzoni, video fanno da sfondo ed accompagnano il succedersi dinamico di azioni che mirano a sconfiggere ed abbattere tutto ciò che barriere prestabilite e strutture limitano l’ esplorazione di se stessi e della propria intimità

Le protagoniste trovano il coraggio di mettersi letteralmente a nudo, su un piedistallo, esibendo le rispettive fragilità. Non è un atteggiamento scontato né immediato, ma imparano a sentirsi a loro agio con la loro bellezza naturale tramite una vibrazione rigenerante della “massa” (come la chiamano loro).

La regista e coreografa Silvia Gribaudi si avvale quindi di un linguaggio ironico per invitare ognuno di noi a destrutturare i classici stereotipi per trovare quel punto di riferimento fondamentale per la preservazione del nostro benessere.
corpo, evasione, intimit, liberazione, sfogo