IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

ASCOLTACI!

LICENZA SIAE 202200000075 | LICENZA SCF 937/14 | C.F. 97703440152

© 2008-2022 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Iniziativa realizzata con il contributo del POLITECNICO DI MILANO

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

La fine del Mondo
quando il Reale vince, anche contro l'uomo
   31 Mag 2022   |     Redazione   |     Arianna Mosconi   |     permalink   |      commenti
Apocalisse? Una serie di rivelazioni o profezie sui destini ultimi dell'umanità e del mondo, qualcosa di lontano, impossibile, non reale.
Forse queste sono le prime cose che ci vengono in mente, ma grazie a “La fine del mondo” forse ora la pensiamo in modo diverso. Al Teatro Franco Parenti si esibisce uno spettacolo che ha protagonista il Reale che - signore e signori - ha vinto su tutti e tutte e nessuno può più fermarlo.

Insieme a questa consapevolezza, sul palco vediamo 4 personaggi animatori di una festa su una grande nave lussuosa. Anche il pubblico fa parte dello spettacolo, interpretando gli invitati della festa. Il Party è dedicato all’inondazione totale di Venezia, e a tutte le conseguenze del riscaldamento globale. Il Reale ha vinto, e l’umanità può solo festeggiare questo evento, che non potrà più essere modificato.

La denuncia al cambiamento climatico è chiarissima fino dalle prime battute e dai rapporti dei personaggi. Dora (Alice Spisa) e Atena (Anahi Traversi) sono due sorelle, più diverse che si può: la prima è un’attrice professionista, considerata quella bella ma stupida, estroversa, che vuole sempre far festa; Atena invece è introversa, asociale e sempre molto ansiogena, fin da quando le due bimbe hanno perso la madre. E’ lei la proprietaria della barca, o meglio, è il suo ricco marito, che si è invaghito di lei e delle sue premure per l’ambiente e la devozione per salvarlo.
Dora invece non si preoccupa dell’ambiente, lei vuole solo essere lasciata in pace dalle voci di “tutte queste catastrofi”: viene invitata sulla nave dalla sorella per animare la festa, e sceglie di portare con sé l'attore della sua compagnia (Umberto Terruso), ovvero Luca. Luca è un uomo spensierato e semplice, sulla stessa linea di Dora, che però porta un “pesante fardello”. Ha un fratello pazzo, Angelo Tronca, e si “trova costretto” a portarlo sulla nave con sé per salvarlo dall'imminente inondazione.

L’odio che si scopre tra i due fratelli e tra le due sorelle è messo a confronto dell’odio e dell'indifferenza che l’uomo ha verso la Terra - la sua Terra - che trascura e di cui non si prende cura.
Lo spettacolo sulla nave è un vero proprio show coinvolgente, in cui la quarta parete ormai non esiste più perché siamo tutti insieme colpevoli. Il testo di Fabrizio Sinisi è rappresentato dalla regia di Claudio Autelli, e insieme permetto di far esibire uno spettacolo dinamico, energico e pieno di cambi di ritmo, così che i 4 attori possano mostrare in scena tutta la gamma di emozioni nascoste nei loro personaggi.

Tutte le informazione riguardanti “La fine del mondo” potete trovarle al sito: teatrofrancoparenti.it/spettacolo/la-fine-del-mondo/ , mentre noi ci vediamo a Teatro!
clima, globale, indifferenza, riscaldamento, teatro