IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2008-2020 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Iniziativa realizzata con il contributo del POLITECNICO DI MILANO

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

Sanremo 2020: il Festival dell'imprevedibile
La conferenza stampa di apertura del 70° Festival di Sanremo
   03 Feb 2020   |     Redazione   |     Alessandra Stefanini   |     permalink   |      commenti
Sala Stampa Lucio Dalla, h. 12:30. Si accendono gli schermi, una voce fuori campo annuncia che sta iniziando la conferenza stampa di apertura del 70° Festival della Canzone Italiana.

Un anniversario importante, che -come giustamente ricorda il direttore artistico Amadeus- impone una celebrazione del passato: ne sono una dimostrazione gli spot dove il presentatore fa le prove in camerino misurandosi con i precedenti "padroni di casa"; ne sono una dimostrazione le clip uscite su Twitter e IG con i decenni di successi del festival.

Sarà un evento per tutti, come ha voluto sottolineare il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri, che in 70 anni di vita ha raccontato i cambiamenti e le trasformazioni dell’Italia; una su tutti Nel blu dipinto di blu di Domenico Modugno, che nel 1958 vinse il festival (che allora si teneva al Casinò) e andò all'Eurovision Song Contest, rendendo la musica italiana famosa nel mondo. Proprio per questo motivo la città si è illuminata del testo della canzone lungo tutta la via che collega l'Ariston al celebre Casinò.

Un evento che avrà un sapore diverso, anche per il grande impegno volto a includere ancora di più la città: la vera grande novità è infatti il tappeto rosso che parte dal Palafiori e arriva all'Ariston, passando per il Nutella Stage, un grande palco dove si esibiranno gli ospiti gratuitamente per tutti coloro che affollano le vie sanremesi in questa settimana.
L'iniziativa Tra Palco e Città, come ricorda il Presidente di Rai Pubblicità e coordinatore del progetto Antonio Marano: un’evoluzione quasi dovuta del festival, con la volontà di ampliarlo nell’obiettivo di rendere il festival da evento televisivo a evento territoriale e cross-mediale".

Dal punto di vista artistico, l'emozione è tanta e si sente, dal neo-direttore di Rai1 Stefano Coletta ad Amadeus, tutti raccontano di come abbiano sognato da bambini il festival e di come sia un sogno esserci arrivati come professionisti.
Ma quello che ancora di più è palpabile è l'imprevedibilità di questa edizione: andando oltre alla già fin troppo menzionata gaffe del presentatore alla prima conferenza stampa, l'aria che si respira è di novità e come ogni cosa nuova, necessita dei suoi tempi di assestamento. Il programma del palco esterno non è ancora stato svelato e molti aspetti organizzativi sono cambiati...ma dopotutto è lo stesso presentatore a dire che non conosce esattamente cosa farà il suo braccio destro, Fiorello, durante le serate della gara.

E, speaking of the devil, è proprio il celebre mattatore -ormai punta di diamante del rilancio di Raiplay- a fare incursione a metà conferenza stampa, spezzando il ritmo e cercando anche di sciogliere la tensione intorno a tutte le polemiche degli ultimi giorni: "Amadeus, quando mi ha chiamato per chiedermi di lavorare al festival, mi ha detto Rosario, sei bello, tra tre mesi farai 60 anni e sei figo. Ti voglio al mio fianco: né davanti né indietro, di fianco".

Ultima ma non per importanza, piuttosto per cronologia di scaletta, la direttrice di Raiplay Elena Capparelli, racconta L’AltroFestival: nella volontà di avvicinare sempre più abbonati in un logica di alfabetizzazione digitale, il tradizionale programma dopo il festival sarà in streaming esclusivo sulla piattaforma. Padrone di casa Nicola Savino con Myss Keta, la quale duetterà con i cantanti in una gara parallela che vedrà un vincitore di questo festival by night.

Ma quello che davvero siamo orgogliosi, come POLI.RADIO, di sottolineare, è che #Sanremo2020 è per tutti: "Per la prima volta in assoluto - spiega la Rai - le cinque serate del Festival potranno essere seguite in diretta nella lingua dei segni italiana e andranno in onda su un canale dedicato di Rai Play. In contemporanea con la diretta di Rai1, nello Studio 4 di via Teulada, in un contesto virtuale in perfetta coerenza e continuità con quanto accade sul palco dell'Ariston, 15 performer appositamente selezionati da RAI Casting, di cui 3 sordi, interpreteranno in LIS tutti i brani delle 5 serate, compresi gli ospiti musicali". Siamo molto orgogliosi di dire che tra questi performers ci sarà la nostra Martina Romano, che ha portato -insieme a Enrica Zoleo- la LIS anche nella nostra radio, con il programma PO.LIS.

Tante cose da aspettarsi e tante sorprese ancora non svelate per questa 70° edizione insomma, ma dandovi appuntamento a domani, vi diamo una piccola anticipazione su chi sarà in gara nelle prime due serate. E non dimenticate, l'hashtag è uno solo: #POLISANREMO!

MARTEDÌ

Nuove proposte

Eugenio in Via di Gioia
Fadi
Leo Gassman
Tecla

Big

Achille Lauro
Anastasio
Bugo e Morgan
Diodato
Elodie
Irene Grandi
Raphael Gualazzi
Marco Masini
Rita Pavone
Riki
Vibrazioni
Alberto Urso

MERCOLEDÌ

Nuove proposte

Fasma
Matteo Faustini
Sentieri
Lula e Martinelli

Big

Giordana Angi
Francesco Gabbani
Paolo Jannacci
Junior Cally
Elettra Lamborghini
Levante
Nigiotti
Piero Pelù
Pinguini Tattici Nucleari
Rancore
Tosca
Michele Zarrillo
conferenza stampa, festival di sanremo, polisanremo, sanremo2020, sanremo70