IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2008-2019 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Iniziativa realizzata con il contributo del POLITECNICO DI MILANO

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

FEDERICO CESARI: LA STELLA DI SKAM ITALIA SI RACCONTA
Protagonista di una serie rivoluzionaria, con un fandom che supera i confini nazionali
   16 Apr 2019   |     Redazione   |     Alessandra Stefanini   |     permalink   |      commenti
I più lo conoscono come Martino Rametta, protagonista di SKAM Italia, remake nostrano della webserie drammatica norvegese che racconta la vita quotidiana degli adolescenti della Hartvig Nissen School, un liceo nel ricco quartiere di Frogner nel West End di Oslo.

Lui è Federico Cesari, giovanissimo attore con alle spalle già l'esperienza de I Cesaroni, che il prossimo 27 aprile sarà presente a Fandom Vibes, convention eccezionale che si terrà per tutto il weekend a Milano e che vedrà protagoniste alcune delle stelle del firmamento TV Series internazionali (e di cui abbiamo intervistato l'organizzatore, Cesare Viacava, CEO di Kinetic Vibe).

Federico ci ha raccontato qualcosa di più sulla sua esperienza di attore sul set romano di SKAM, serie nota anche per la volontà di affrontare in ogni stagione tematiche sempre più fondamentali nel dibattito sociale e politico ma che spesso, paradossalmente, sono causa di discriminazione e isolamento tra gli adolescenti. Parliamo di depressione, cyberbullismo, omosessualità, religiose, razzismo...indentità, appartenenza.

Con il suo Martino, Cesari ha affrontato una stagione da assoluto protagonista (la seconda della serie), interpretando un ragazzo che scopre la propria omossesualità grazie alla cotta per il suo amico Giovanni ed innamorandosi a poco a poco di Niccolò, un nuovo ragazzo della sua scuola:

I personaggi che interpreti, ti fanno crescere? Ti lasciano qualcosa?

"Sicuramente, soprattutto con il personaggio di Martino: credo ti lasci dentro molto. SKAM è stata un'esperienza in cui mi sono immerso con tutto me stesso, quindi oltre a lasciarmi qualcosa il personaggio, l'ho vissuta molto personalmente anche al di fuori del set, perché ti permette di iniziare a osservare il modo in cui la gente si relaziona con te semplicemente perché hai interpretato un certo tipo di personaggio. Mi è capitato di essere in prima persona discriminato perché ho interpretato un certo tipo di personaggio, sicuramente mi ha dunque sensibilizzato molto rispetto alle tematiche trattate nella seconda stagione"

Raggiunto telefonicamente mentre andava in università, Federico ci ha raccontato di come sia appassionato di ciò che sta studiando, ma che la recitazione e il suo impegno attuale con la serie non gli permettano di seguire tutto con continuità...ma nessun problema, ci dice: "Devo ancora decidere che strada intraprendere. Alla fine credo che ognuno abbia i suoi tempi ed è importante coltivare ogni passione. Cerco di conciliare tutti gli impegni come posso: quando non lavoro studio il più possibile".

Le passioni non gli mancano, la fotografia è fra queste, a cui si sta iniziando ad approcciare adesso "Sono ancora agli inizi: mi piace molto fotografare, prima era una cosa che non prendevo in considerazione, perché ad esempio -come si può notare dai miei social- non mi è mai piaciuto stare lì con il telefono a fotografe quello che sto facendo. Ora però è diverso, mi sto appassionando proprio allo studio della fotografia".

SKAM è una serie nata in forte sinergia con i social network, con l'uscita cadenziata di clips, fotografie, contenuti che fanno letteralmente impazzire i fan ed esplodere i commenti, specialmente su Twitter: "Io Twitter non ho ancora imparato a usarlo, come è evidente dal mio profilo -ride-. L’avevo aperto da piccolo e ultimamente l’ho ripreso proprio per vedere cosa dice la gente su SKAM. Ho potuto capire che è il luogo dove vengono raccolti più commenti sulle clip e ogni tanto aggiungo anche io qualche contenuto".

Ma com'è il tuo rapporto con i social network, gli chiediamo: "Io sono cresciuto con il buon vecchio FB, dico 'buon vecchio' perché ormai l’ho praticamente abbandonato a favore di Instagram. Ora cerco di stare più attento a questo, anche se io non sono proprio un gran utilizzatore di social. Li uso comunque più come mezzo di interazione che come vetrina, cerco di usarli per tenermi in contatto con gli altri. La potenzialità dei social è questa, poter raggiungere più persone possibili, poi chiaro che si basa soprattutto, specialmente per quanto riguarda gli attori, sulla sfera dell’autopromozione ma è una cosa che non mi appartiene".

Questa attenzione di Federico per gli altri si percepisce chiaramente anche dal modo in cui parla del lavoro sul set con i suoi compagni di avventura: "Il rapporto con gli altri sul set è fondamentale. Credo che Ludovico, il nostro regista, abbia scelto tutti noi ragazzi con dei criteri molto accurati, cercando anche personalità che potessero essere compatibili, infatti è stata una sorpresa scoprire sul set quanto fossimo simili. Ci siamo trovati benissimo e questo è un punto di forza di SKAM, siamo tutti amici anche al di fuori delle riprese e questo ha un riscontro positivo anche all’interno della serie, soprattutto nelle scene corali, dove si vede che è un reale divertimento tra di noi sul set".

Vi abbiamo incuriosito e volete saperne ancora di più? Siete fortunati, vi basta pigiare PLAY qui sotto per ascoltare l'intervista integrale.

E se siete super fan di #SKAMItalia, allora non perdetevi l'occasione di incontrare i vostri beniamini a Fandom Vibes: fate un giro sul sito ufficiale per conoscere tutti i dettagli!

fandom vibes, federico cesari, intervista, skam italia