IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2008-2019 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Iniziativa realizzata con il contributo del POLITECNICO DI MILANO

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

MILANO MUSIC WEEK: siete pronti per 170 eventi no stop?
Incontri, lezioni, concerti e feste. Preparatevi alla maratona musicale dell'anno milanese
   14 Nov 2018   |     Redazione   |     Arianna Mosconi   |     permalink   |      commenti
Eccoci: siamo pronti per la seconda edizione della MILANO MUSIC WEEK, che si terrà a Milano dal 19 al 25 novembre 2018.

Con più di 170 appuntamenti in programma in soli sette giorni, la città prenderà vita grazie a moltissime collaborazioni sul piano musicale che spaziano da concerti, incontri e momenti per la formazione, presentazioni di progetti discografici, mostre ed eventi molto speciali.

Questa seconda (edizione) conferma la volontà di far dialogare i diversi mondi della formazione, della produzione e della distribuzione mettendo in connessione il mondo della musica anche in senso verticale, dal top player alle piccole case discografiche e ai locali indipendenti. Milano Music Week rappresenta un’importante piattaforma di comunicazione, non solo milanese ma anche nazionale, […]”: queste le parole con cui l’assessore alla cultura di Milano, Filippo del Corno, ha inaugurato la conferenza stampa di presentazione della settimana della musica e che rispecchiano la volontà di non deludere le alte aspettative createsi dopo il successo dell’anno scorso.

Al centro, dunque, la voglia di far conoscere e far esplorare l’ambiente musicale, cercando però di non creare “l’effetto festival”, ma un vero e proprio dialogo con i partecipanti alle diverse iniziative.

La forza dell’evento sta anche nella sua location: Milano ormai da tempo è considerata la “capitale della musica” e per questo ne si vuole valorizzare la capacità artistica: i luoghi coinvolti, infatti, sono oltre 70, e comprendono discoteche, teatri, ma anche librerie, negozi (tra cui l’Apple Store), ristoranti (come il nuovo allestimento di Starbucks), l’aeroporto di Malpensa e moltissimi altri .

Sarà Elisa ad aprire la serata inaugurale VH1 Storyrellers, seguita da molteplici ospiti: Eros Ramazzotti, i Mudhoney, Riccardo Sinigallia, Trevor Horn, Michele Bravi, Motta e Tom Walker, solo per citarne alcuni. Alcuni faranno dei concerti, altri dei veri e propri incontri, nei quali si potrà imparare “come si scrive una canzone” oppure “come suonare una chitarra”.

Ci saranno, insomma, moltissime occasioni per immaginare e carpire l’universo musicale, tra cui mostre d’arte a tema musicale, spettacoli cinematografici e perfino presentazioni di libri musicali.

Fondamentale sarà la collaborazione con Linecheck - Music Meeting and Festival, che prevedrà circa 60 panel, workshop e masterclass sui temi più scottanti dell’industria musicale allo spazio BASE.

L’associazione, guidata dalla convinzione che in Italia ci sia bisogno di un rinnovamento, un aggiornamento a livello musicale che possa portare il nostro Paese a essere competitivo anche con Francia, Germania o Olanda, affronterà tematiche quali lo sviluppo e l’innovazione delle infrastrutture culturali e lo farà grazie a diversi partner: possiamo ricordare Italia Music Export e SIAE, Società Italiana degli Autori ed Editori, che promuoveranno attività di networking tra gli operatori della musica stranieri e quelli italiani.

Sarà invece il CPM Music Istitute a occuparsi della possibilità di parlare proprio con i musicisti, per riuscire a motivare chiunque si voglia approcciare a un percorso musicale e soprattutto per ricordare che non esiste solo il palcoscenico, la fama e i fans, per un artista: esistono anche la passione e la soddisfazione creativa che possono appagare una carriera. Tra coloro che si renderanno disponibili ai talk ci sarà Ghemon, Massimo Colombo, Francesco Gazzè, Luca Fiore, e tanti altri artisti pronti a raccontare le loro esperienze.

I giovani sono i veri protagonisti di questa iniziativa, sia come operatori che come visitatori: collaborazioni fondamentali infatti derivano dal SAE Istitute, che organizzerà incontri con artisti professionisti, e con ALMED, scuola di specializzazione e master dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, che offrirà dei momenti di dialogo su ciò che concerne la gestione della musica come strumento multimediale e come approcciarsi al pubblico con tale tematica.

Il tutto si concluderà con una festa finale allo spazio BASE organizzata da Billboard, aperta a tutti, con una line up molto ricca e ancora in via di sviluppo.

Dietro a Milano Music Week c’è, dunque, un grande lavoro e impegno, che tutto lo staff e il curatore artistico Luca De Gennaro hanno impiegato per arricchire il più possibile questa particolare settimana, con l’impegno e la volontà di mostrare e far conoscere quasi ogni gusto musicale a chi se ne mostrerà interessato.

Tutti gli ospiti si alterneranno ogni giorno, dalla mattina alle 10.00 fino a tarda notte: stiamo quindi parlando di un elenco quasi infinito di opportunità!
Per rimanere aggiornati e conoscere tutte le iniziative, collegatevi al sito web ufficiale, in costante aggiornamento, e sulla pagina Instagram @milano_music_week.
milano, milano music week, mmw18, musica, musiccitymilano