IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2017 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

Archivio

Tag Popolari

Libbrit per gli studenti
Perchè avere i libri è sempre un buon inizio per chi vuole passare gli esami
   14 Mar 2017   |     Silicon   |     Michela Turri   |     permalink   |      commenti
Cronache di vita da studente.
Esame da dare n° x, primo step per prepararsi psicologicamente: recuperare tutti i libri previsti dal programma.
Si inizia cercando annunci sui vari gruppi FB della propria facoltà e su quelli specifici del corso, per un totale di circa mille gruppi da vagliare. Dopo attenta analisi si trova l'annuncio ideale e si contatta il diretto interessato. Se risponde, e non sempre accade, dirà molto probabilmente di averlo già venduto.
Nell'ipotesi fortunata in cui l'avesse, basterà a quel punto incrociare le proprie agende, i propri impegni, scoprire che chi vende è uno studente fuori sede che viene in città una volta ogni due eclissi solari, finalmente trovarsi e a quel punto ottenere il proprio libro per l'esame.
Dopo aver comprato tutti i libri scritti dal professore, (averli studiati) e aver passato l'esame, si passa alla fase successiva: rivendere i libri. Una nuova fase fatta di annunci, contatti con studenti indecisi, che forse vogliono comprare, forse no, una fase che spesso si conclude andando a vendere i propri libri in negozi di compravendita di usato, che in cambio di 10 libri pagano circa 10 caramelle.
Come sarebbe se ci fosse una piattaforma dedicata, accessibile a tutti, su cui gestire questa compravendita? È una domanda che molti studenti si sono posti, e alcuni sono riusciti anche a dare una risposta, creandola.
Andrea Santi e Giorgio Guidetti, oltre a essere studenti in Economy and Management presso la Statale, sono infatti anche CEO e COO di Libbrit, sito che permette di vendere i propri libri.
Lunedì sono stati ospiti di Silicon per raccontare ai nostri microfoni la loro esperienza, spiegando Libbrit, sito nato ad ottobre ma già molto attivo tra gli studenti, e guidandoci in una Milano innovativa, composta da giovani come loro con tante idee e non solo: la volontà e la capacità di concretizzarle.

Michela Turri
libbrit, libri, startup, universit