IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

ASCOLTACI!

LICENZA SIAE 202200000075 | LICENZA SCF 937/14 | C.F. 97703440152

© 2008-2022 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Iniziativa realizzata con il contributo del POLITECNICO DI MILANO

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

Blue Horizon: Ocean Literacy
Martedì 5 aprile torna l'ora blu dedicata all'Oceano e alla Blue Economy: con noi in questo viaggio IOC-UNESCO, CNR-ISMAR, E.ON e Marta Musso!
   04 Apr 2022   |     Blue Horizon   |     Alessandro Gibertini   |     permalink   |      commenti
La Blue Horizon ha preso il largo e, davanti a loro, solo azzurro a perdita d'occhio. I pescatori, ricurvi sulle reti verde smeraldo annuvolate lungo la banchina del porto, li guardano allontanarsi, ipnotizzati dalla scia bianca che sgorga dalla chiglia della nave e taglia perfettamente in due l’orizzonte. Improvvisamente risuona un grido dal ponte: «Uomo a mare davanti a noi! Virare a dritta!». Le braccia legnose del capitano, ormai tutt’uno con il timone, compiono la manovra d'emergenza, scongiurando il peggio. C'è veramente un uomo in mare: galleggia, serenamente sdraiato a pancia in su, con le mani che spuntano fuori dall’acqua sorreggendo un libro aperto. «Cosa stai facendo?» chiede la ciurma all’unisono. «Sto cambiando il mio rapporto con l'oceano!» risponde lui. I marinai si guardano tra di loro pensando di aver incrociato un matto. Lui continua: «L'oceano ha un’influenza pazzesca sulla mia vita e ho capito che non posso sfruttarlo e basta perché anche quello che faccio io impatta su di lui. Voglio dargli qualcosa in cambio e…gli sto leggendo un libro». Dopo aver ripreso la navigazione, l'equipaggio si interroga su quello che ha appena visto. Quel ragazzo galleggiante avrà perso il lume della ragione? In che senso cambiare il rapporto con l'oceano? Lo scopriremo grazie agli ospiti di questa puntata dedicata all'Ocean Literacy e realizzata in collaborazione con la Commissione Oceanografica Intergovernativa dell’UNESCO (IOC-UNESCO).

Ad aprire la serata in "Policy & Institution" sarà il Decennio del Mare, ovvero la decade delle Scienze del Mare per lo Sviluppo Sostenibile (2021-2030) dichiarata da IOC-UNESCO. Valentina Lovat, Ocean Literacy Consultant di IOC-UNESCO, definirà il concetto di Educazione all'Oceano (Ocean Literacy) e le priorità da affrontare per raggiungere gli obiettivi entro il 2030. Infine, faremo il punto sul lancio della Generazione Oceano e ci concentreremo sugli strumenti progettati per sviluppare la comprensione dell’influenza reciproca tra società e oceano, come l’iniziativa "A new Blue Curriculum: a toolkit for policy-makers", primo vero passo verso l'introduzione dell'Educazione all’Oceano in tutti i curriculum scolastici di tutto il mondo.

In "Science & Research" resteremo nella Laguna di Venezia per capire il ruolo della scienza nel programma di Educazione all’Oceano, che non si rivolge solamente alle generazioni di studenti ma anche alle istituzioni, che molto spesso non hanno alcuna formazione scientifica. Grazie ad Angela Pomaro, Ricercatore dell'Istituto di Scienze Marine del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR-ISMAR), capiremo le dinamiche di interazione tra Scienza e Politica e vedremo come è possibile educarla in relazione all’ambiente trasferendo concetti tecnici di base senza i quali non sarebbe possibile prendere decisioni consapevoli.

Nella rubrica "Business & Innovation" conosceremo l’Educazione all’Oceano dal punto di vista di un altro gruppo target, quello del settore aziendale dei privati. A rappresentare la categoria sarà E.ON, partner e collaboratori del Decennio del Mare. Con Davide Villa, Chief Customer Officer di E.ON, capiremo l’importanza di una policy aziendale attenta all’ambiente che mira a educare dipendenti e clienti coinvolgendoli in iniziative rivolte alla tutela dell’oceano. Parleremo infatti di Save the Wave, progetto di conservazione e ripristino degli ecosistemi marini del Mediterraneo, soprattutto delle praterie di Posidonia oceanica, che ha visto la luce attraverso il primo caso pilota nel Golfo di Palermo.

È possibile educare all’oceano la propria comunità viaggiando all'avventura? Si può far appassionare i bambini a degli animali invisibili a occhio nudo? Protagonista dell’ultima rubrica "Community & Adventure", sarà Marta Musso, giovanissima biologa marina che, grazie al suo progetto di divulgazione Possea dedicato ai bambini, ha vinto il premio di "Donna di Mare 2022" organizzato da IOC-UNESCO. Marta ci porterà alla scoperta del plancton facendoci sperimentare il suo originale approccio divulgativo, tra scienza, gioco e arte, a bordo del suo laboratorio a quattro ruote, rigorosamente giallo, con il quale farà tappa in molte spiagge italiane.

L'appuntamento con Blue Horizon è martedì 5 aprile alle ore 20:00. Uno sguardo all’orizzonte per conoscere il futuro del mare, vi aspettiamo!
ambiente, blue horizon, innovazione, oceano, tecnologia