IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2008-2019 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Iniziativa realizzata con il contributo del POLITECNICO DI MILANO

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

SIAMO STATE SUL RED CARPET DELL'EUROVISION CON MAMHOOD
e lo abbiamo pure intervistato
   13 Mag 2019   |     Redazione   |     Chiara Papèra   |     permalink   |      commenti
SIAMO STATE SUL RED CARPET DELL'EUROVISION CON MAMHOOD
e lo abbiamo intervistato insimeme alle delegazioni di tutti gli altri paesi partecipanti

È finito da poche ore il Red Carpet dell'Eurovision Song Contest che quest anno si svolge a Tel Aviv grazie alla vittoria dello scorso anno della partecipante Israeliana Netta Brazilai.
Per quasi quattro ore si sono susseguite sul tappeto (più arancione che) rosso le delegazioni dei 41 paesi partecipanti. Abbiamo chiesto ad ognuno di loro se credono che loro vita cambierebbe drasticamente o rimarrebbe la stessa se vincessero l'Eurovision e le risposte sono state delle più disparate. C'è chi come Bilal Hassani, rappresentante della Francia, crede che la vita cambierebbe sia con una vincita che con una sconfitta, come del resto in ogni caso e continuamente dato che è sempre in evoluzione. Chi crede che la sua vita non sarebbe poi cosi diversa come Anna Odobescu della Moldavia. Per i lettoni Carousel non si può mai sapere e non si sentono di fare pronostici, e chi invece è chi è sicuro che cambierebbe Conan Osiris del Portogallo.

Abbiamo poi scambiato quattro chiacchiere con Mahmood che innanzitutto chiarisce per tutti quelli che continuano chiedergli come si senta un egiziano musulmano a gareggiare in Israele che oltre ad essere di religione cristiana è innanzitutto italiano. Ai nostri microfoni ha parlato di come si senta dopo la repentina ascesa mediatica e ci ha dato consigli su come gestire lo stress e l'ansia da prestazione.
In attesa di vederlo sul palco nella finale del 19 maggioa breve pubblicheremo l'intervista completa.

Vi riportiamo l'ordine i cui si esibiranno gli artisti nelle giornate delle semifinali riocrdando che i Big 5 (Italia, Germania; Spagna; UK, Francia) e il vincitore della scorsa edizione (in questo caso, appunto, Israele) passano di diritto alle finali.

PRIMA SEMIFINALE – Martedì 14 maggio, ore 21 (diretta Rai4). Hanno diritto di televoto Francia, Israele e Spagna
1. CIPRO – Tamta – Replay
2. MONTENEGRO – D mol – Heaven
3. FINLANDIA – Darude feat. Sebastian Rejman – Look away
4. POLONIA – Tulia – Fire of Love (Pali się)
5. SLOVENIA – Zala Kralj & Gašper Šantl – Sebi
6. REPUBBLICA CECA – Lake Malawi – Friend of a friend
7. UNGHERIA – Joci Papai – Az én apám
8. BIELORUSSIA – ZENA – Like it
9. SERBIA – Nevena Bozovic – Kruna
10. BELGIO – Eliot – Wake up
11. GEORGIA – Oto Nemsadze – Keep on going
12. AUSTRALIA – Kate Miller-Heidke – Zero gravity
13. ISLANDA – Hatari – Hatrið mun sigra
14. ESTONIA – Victor Crone – Storm
15. PORTOGALLO – Conan Osiris – Telemóveis
16. GRECIA – Katerine Duska – Better love
17. SAN MARINO – Serhat – Say na na na

SECONDA SEMIFINALE – Giovedì 16 maggio, ore 21 (diretta Rai4). Hanno diritto di televoto Italia, Regno Unito e Germania
1. ARMENIA – Srbuk – Walking out
2. IRLANDA – Sarah McTernan – 22
3. MOLDAVIA – Anna Odobescu – Stay
4. SVIZZERA – Luca Hänni – She got me
5. LETTONIA – Carousel – That night
6. ROMANIA – Ester Peony – On a Sunday
7. DANIMARCA – Leonora – Love is forever
8. SVEZIA – John Lundvik – Too late for love
9. AUSTRIA – Paenda – Limits
10. CROAZIA – Roko – The dream
11. MALTA – Michela – Chameleon
12. LITUANIA – Jurij Veklenko – Run with the lions
13. RUSSIA – Sergey Lazarev – Scream
14. ALBANIA – Jonida Maliqi – Ktheju tokës
15. NORVEGIA – KEiiNO – Spirit in the sky
16. PAESI BASSI – Duncan Laurence – Arcade
17. MACEDONIA DEL NORD – Tamara Todevska – Proud
18. AZERBAIGIAN – Chingiz – Truth