IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2008-2019 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Iniziativa realizzata con il contributo del POLITECNICO DI MILANO

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

Cosa significa fare musica elettronica in Italia oggi
ne abbiamo parlato con Indian Wells
   25 Giu 2018   |     Redazione   |     Patrizio Ferrari   |     permalink   |      commenti
"Preferisco far uscire poche cose, ma essere convinto di quello che faccio"

Raggiunto telefonicamente in partenza per il Village Underground di Londra, Pietro Iannuzzi, in arte Indian Wells, ci ha raccontato un po' di sè e dello "stato dell'arte" della musica elettronica in Italia.

Lui, produttore riservato e a tratti perfino timido, alle grandi capitali della musica ha preferito la sua Calabria, con il suo sole, il mare e soprattutto le montagne. Da lì, negli ultimi anni, sono usciti lavori che prima si sono fatti conoscere in casa nostra, come i campionamenti "tennistici" di "Night Drops" e i loop ipnotici di "Pause" (usciti per Bad Panda Records).

Da lì lo stile introspettivo e le sonorità oniriche di Indian Wells hanno raggiunto orecchie internazionali e l'anno scorso è "volato in California" per produrre il suo ultimo, splendido album "Where The World Ends".

"In Italia ci sono ottimi produttori, ma quello che manca è il seguito di persone che ti ascolta"

Sia per chi la ascolta che per chi la produce, la musica elettronica in Italia, a confronto di altri generi, è ancora un bel po' di passi indietro rispetto a paesi come Stati Uniti, Germania o Inghilterra.

"Fare Fatica" è insito nell'essere un produttore, ci dice Indian Wells, perchè essere bravi non basta per essere conosciuti a livello internazionale se non c'è un certo seguito e, aggiungerei, una cultura che promuova questo tipo di musica e di artisti.

E allora il 30 Giugno tutti al Magnolia di Milano per Astro Festival che oltre a essere la prossima data estiva di Indian Wells, ospiterà tantissimi artisti e sarà una cornice di rilievo per la musica elettronica in Italia.
astro festival, circolo magnolia, elettronica, indian wells, intervista