IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2008-2020 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Iniziativa realizzata con il contributo del POLITECNICO DI MILANO

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

Watch Dogs: Legion - La recensione
Indossa la tua maschera e unisciti alla Resistenza
   09 Nov 2020   |     N.E.R.D.   |     Lorenzo Bortolato   |     permalink   |      commenti
Il 29 ottobre è uscito il terzo capitolo della serie di Ubisoft incentrata sulla saga degli Hacktivisti del DedSec, Watch Dogs: Legion.


Ci troviamo in una Londra del futuro dove droni e automobili intelligenti sono di uso comune e la privacy e le libertà personali ormai un lontano ricordo.

Troviamo la capitale del Regno Unito intrappolata in una morsa: da un lato abbiamo Albion, un'organizzazione paramilitare che ha preso il controllo della città instaurando un regime di terrore nel nome della sicurezza; dall'altro il clan Kelly, la più grande organizzazione criminale che gestisce i più grandi delitti, dagli omicidi su commissione al rapimento.

Ad aggravare la situazione c’è poi Zero Days, figura misteriosa che ha organizzato un attentato per tutta Londra facendo credere all'opinione pubblica che i mandanti fossero del gruppo del DedSec,creando ancora più conflitti tra i protagonisti e le forze governative.

A differenza degli altri titoli, in Watch Dogs: Legion non giochiamo con un solo personaggio ma abbiamo la possibilità di reclutare chiunque a Londra. Ogni NPC può potenzialmente diventare un personaggio giocabile, tutti con aspetti diversi e con delle abilità e/o equipaggiamenti personali alle volte unici.

Sta dunque al giocatore scegliere chi impersonare e in quale momento, cercando di ottenere i maggiori benefici dai propri personaggi reclutati.

La meccanica di reclutamento è semplice: per qualunque londinese bisogna completare una missione, furto di dati, cancellazione di server, ecc., ricevendo in cambio l'affiliazione al DedSec.

Il gameplay di Watch Dogs: Legion presenta molte similitudini con i vecchi capitoli della serie, come i puzzle ambientali e l'interazione tramite hacking degli npc e del paesaggio circostante.

Le novità introdotte in questo titolo sono l'accesso a gadget, da un device che rende il personaggio temporaneamente invisibile a diversi tipi di droni, e nuovi droni con mansioni uniche, da quello giornalista con fotocamera integrata a quello da carico che permette di far volare il personaggio.

Piccola nota a margine: il controllo degli spiderbot è qualcosa di super divertente e comodo.

Per quanto riguarda la mappa, Londra è fatta perfettamente e tutti i siti più famosi, il London Bridge, il Parlamento con il Big Ben, Buckingham Palace, sono stati ricreati perfettamente e interagiscono bene con la trama principale e secondaria del gioco.

In conclusione Watch Dogs: Legion è un bellissimo gioco che offre infinite possibilità di gioco, una su tutte è il reclutamento di qualunque npc, e che offre anche spunti di riflessione su tematiche sempre più importanti che riguardano tutti noi come la privacy e le nuove tecnologie.

Watch Dogs: Legion è disponibile per Xbox One, PlayStation ® 4,Epic Games Store eUbisoft Store per Windows PC, Stadia e Ubisoft+, il servizio in abbonamento di Ubisoft. Inoltre sarà disponibile anche per le console next gen il 10 novembre per Xbox X|S e dal 12 novembre la versione digitale su PlayStation ® 5 in contemporanea con la nuova console, mentre la versione retail per PlayStation ® 5 sarà invece disponibile dal 24 novembre. Per maggiori informazioni su Watch Dogs: Legion, visitare watchdogs.com
recensione, ubisoft, videogame, videogioco, watch dogs legion