IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2008-2019 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Iniziativa realizzata con il contributo del POLITECNICO DI MILANO

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

The Energy God
Lunedì 06 maggio dalle ore 21 Ghetto Connection manda in onda l'intervista a uno degli artisti dancehall più grandi di sempre: Elephant Man!
   02 Mag 2019   |     Ghetto Connection   |     Alessandro Gibertini   |     permalink   |      commenti
Elephant Man, comparso sulla scena di Kingston verso la fine degli anni '90, è senza dubbio uno dei maggiori rappresentanti della musica e cultura dancehall a livello mondiale, un vero e proprio trendsetter! Migliaia le tunes nel suo catalogo, decine gli step di danza creati e che sono diventati un must per tutti i ballerini dai Caraibi all'Europa. In Giamaica è un'istituzione e ha lavorato praticamente con tutti gli artisti e produttori esistenti. Si è tolto diverse soddisfazioni anche oltre i confini dell'isola, ad esempio quando personaggi illustri come Mariah Carey, Missy Elliott, P. Diddy, Lil Jon e Busta Rhymes lo hanno voluto nei loro dischi.

The Energy God è sempre in tour in giro per il mondo ma dai palcoscenici italiani mancava ormai da cinque anni. Il 24 aprile di quest'anno però è accaduto il miracolo tanto atteso ed Elephant Man è tornato sul territorio milanese mettendo a ferro e fuoco l'HT Factory di Seregno durante la serata Rum&Boom organizzata da Lion Pow e GVS.

Non potendo farci scappare quest'occasione unica, prima del concerto siamo andati in missione e abbiamo raggiunto Elephant Man che si è raccontato ai microfoni di Ghetto Connection: gli inizi con Shabba Ranks e King Jammys, la maturazione sotto l'ala protettiva di Bounty Killer, il legame con Buju Banton, i clash e i dissing con Beenie Man, i passi di danza, le tunes a cui è più legato. «"Bun Bad Mind" è sicuramente la mia tune più conscious. Tutta la gente in ogni parte del mondo può sentirsi legata a ciò che dico in questo brano: Africa, Giamaica, UK, Europa, Canada...ovunque tu vada c'è sempre qualcuno che getta odio verso qualcun altro e allora noi gli diciamo "you are too bad mind"! Vale anche per i miei fan più adulti, dammi ad esempio un gruppo di persone di quaranta, cinquanta, sessant'anni e vedi che saltano in aria quando sentono quella canzone. Il beat e il testo hanno il tempo giusto ed è come stare in chiesa a pregare il Signore con molta energia!».

Non perdere l'intervista in onda nella 4° puntata di Ghetto Connection lunedì 06 maggio alle ore 21.






dancehall, elephant man, ghetto connection, interview, reggae