IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2008-2019 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Iniziativa realizzata con il contributo del POLITECNICO DI MILANO

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

Ma non potevate fare così la prima serata?
Buona la seconda per il Festival di Sanremo, nonostante quella mezz'ora di troppo
   07 Feb 2019   |     Redazione   |     Alessandra Stefanini   |     permalink   |      commenti
Stancamente arriviamo alla fine di questa seconda puntata. Dico stancamente perché è l'una e le giornate a Sanremo sono lunghe, figuriamoci se poi il Festival -nonostante la metà delle esibizioni da proporre stasera- decide di allungare il brodo di un'ora abbondante con varie ed eventuali, come l'esibizione di VENTI MINUTI VENTI di Pio e Amedeo.

Alle ore 00:37 arriva Cocciante, con Giò Di Tonno, Vittorio Matteucci e Graziano Galatone, a regalarci uno dei momenti più intensi e sicuramente più alti della kermesse. Solo che, pur capendo le logiche di hype e attesa crescente, vi pare di far entrare un ospite del genere quasi all'una di notte?

Ma parliamo del vero momento perfetto di stasera: Virginia Raffele che canta la Carmen, in un abito da sogno. Finalmente vediamo Virginia essere Virginia, in tutto il suo splendore, in tutto il suo talento. Basta copioni zoppicanti o brevi battute lanciate nel vuoto, ma minuti e minuti di spettacolo divertente ed elegante al contempo. Insomma: DI-VI-NA.

Ma non è stato solo questo lo sketch di comicità che ci ha convinte: se ieri sera ci siamo domandate che cosa avessero gli autori della RAI contro il buon gusto, stasera è sembrato che un buon mix di testi migliori e maggior scioltezza dei co-conduttori, abbia permesso di portare a casa delle risate genuine.

Plauso particolare al duo ritrovato Hunziker-Bisio: quando c'è affiatamento c'è poco da fare e anche se poi Michelle, ancora con il fiatone, ha presentato i Ex-Ottago, non possiamo che ammettere che la loro esibizione è stata divertente, precisa, davvero ben realizzata (però Michelle, tesoro, non cantare per favore).

Stasera a votare è stata la Sala Stampa e alcune di queste posizioni erano prevedibili, tra tutte Achille Lauro, che is the new Lo Stato Sociale: i giornalisti quest'anno hanno scoperto la trap e niente, hanno il loro vincitore, se non altro morale (e, aggiungerei, al Dopofestival di ieri è stata impressionantemente chiara l'attenzione particolare dedicata al cantante romano).

Quindi, bando alle chiacchiere, ecco la classifica Sala Stampa:

Area Blu
Daniele Silvestri
Arisa
Achille Lauro
Loredana Bertè

Area Gialla
Ex-Otago
Il Volo
Ghemon
Paola Turci

Area Rossa
Federica Carta e Shade
Nek
Negrita
Einar

Cosa aspettarci da domani sera? Non lo sappiamo davvero. Ci auguriamo sicuramente che le esibizioni Baglioni centriche diminuiscano, a favore di un'esaltazione migliore degli ospiti invitati.

E mentre vi scrivo questo breve recap, di sottofondo il Dopofestival mi culla con Ghemon che canta insieme ad Anna Foglietta Anna Verrà di Pino Daniele, a cui stasera è stato dedicato il premio alla carriera, consegnato a due delle figlie.
Lacrime, tantissime lacrime.
festival di sanremo, polinsaremo, sanremo19, virginia raffaele