IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2017 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

Archivio

Tag Popolari

Il Principe è morto
Addio al folletto di Minneapolis. Addio a Prince.
   22 Apr 2016   |     HIT40UK   |     Emanuele Campagnolo   |     permalink   |      commenti
Ci meraviglieremmo se una radio non parlasse di musica. Ci meraviglieremmo se la radio all’improvviso non si fermasse quando tutto si ferma a riflettere su ciò che è appena successo. Eppure esiste un modo, alla radio, per fermarsi senza lasciare silenzio, per riflettere senza chiudersi in sé stessi ed estraniarsi dal mondo, per continuare a camminare quando certe emozioni si piantano in piedi e fanno pensare. È come schiacciare play e, nel nostro momento di silenzio, lasciare partire un altro pezzo e continuare ad ascoltare ancora musica.
Se di musica vive, la radio, di musica sopravvive quando le stelle si spengono all’improvviso. Ed è la musica che, dalla fine di una stella, continua a farne splendere la luce nel cielo, nella mente e nelle nostre orecchie.

Il Principe è morto. È morto The Symbol, The Artist, The Artist formerly known as Prince. Addio a Roger Nelson e a tutti i nomi che lo hanno caratterizzato nella sua vita e nei suoi quasi quarant’anni di carriera. Prince è scomparso all’età di 57 anni, ritrovato senza vita nell’ascensore della sua abitazione, a Minneapolis. Le dinamiche sono ancora da accertare, anche se era stato ricoverato in ospedale già una settimana fa per una brutta influenza che aveva causato l’annullamento di una data del suo tour. Chissà però che dietro l’influenza non ci fosse di più.
Ci meraviglieremmo se una radio non parlasse di musica. Lo faremmo se non ne avessimo parlato, in qualche modo. Di musica e del principe scomparso. Ieri sera, appena saputo della triste notizia, i ragazzi di Viva La Mamma hanno omaggiato Prince, seguiti da Ema nell’anteprima di Hit40UK, fermandosi a pensare tra l’emozione del momento e schiacciando play sui successi dell’artista, mentre fuori dalla radio, tutto iniziava a tingersi di viola, come la pioggia.

Non volevo causarti nessun dolore
Non volevo causarti nessuna pena
Volevo solo vederti ridere una volta
Volevo solo vederti ridere nella pioggia viola.
(Prince — Purple Rain, 1984)
omaggio, prince, purple rain