IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2017 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

Home Festival apre le porte alla LIS
Le ragazze di Dilis come interpreti per la prima volta ad un festival in Italia
   04 Set 2018   |     Redazione   |     Xhulja Doci   |     permalink   |      commenti
Chiara Sideri e Rebecca Parrinello sono due ragazze dell’associazione onlus Dilis, hanno partecipato all’ Home Festival come interpreti per artisti come Mr. Rain, Gionny Scandal, Francesca Michielin e Lo Stato Sociale.
L’interpretazione dei testi musicali è un tema ancora poco toccato in Italia a differenza di altri paesi come gli Stati Uniti, dove la presenza di interpreti LIS ai concerti è nettamente superiore. È una questione che abbiamo molto a cuore qui a POLI.RADIO, dove la nascita di PO.LIS come primo programma radiofonico per sordi in Italia ha fatto partire diverse collaborazioni e ha permesso a molte persone di conoscere meglio questa realtà.
Abbiamo deciso di intervistarle prima dei concerti per chiedere cosa pensano di questo contesto e conoscere meglio il mondo dietro l’interpretazione delle canzoni in lingua dei segni.


Cominciamo, che percorso avete affrontato e perché vi siete avvicinate al mondo della traduzione in LIS?

Rebecca: Durante una delle lezioni di storia medievale all’università mi sono trovata davanti per la prima volta la figura dell’interprete, per me ancora sconosciuta e che solo in un secondo momento mi ha permesso di scoprire che nel mio corso ci fosse presente una ragazza sorda. Allora cominciai a chiedere informazioni su come imparare la lingua dei segni per poi iniziare a studiarla in contemporanea al mio percorso di studi universitario.

Chiara: Io sono nata in una famiglia di genitori sordi e perciò la LIS è insieme all’italiano è la mia lingua madre. Già da piccola ho imparato a supportare i miei genitori come traduttrice in contesti quotidiani come l’andare dal medico. Successivamente ho voluto seguire un percorso specializzante nella lingua dei segni in concomitanza al percorso universitario. Studiando infermieristica a Tor Vergata è iniziata una collaborazione che cerca di unire il mondo dei segni con il mondo della sanità data la difficoltà emersa delle persone sorde ad accedere ai servizi sanitari.


A proposito di collaborazioni, come è nato il vostro rapporto con l’Home Festival?

Chiara: La collaborazione con Home Festival è nata per caso, un giorno trovando il volantino dell’evento in giro. Io e Rebecca eravamo uscite da un’esperienza positiva con Ermal Meta, abbiamo tradotto un suo pezzo al concerto ad Udine. Essendo rimaste entusiaste e incuriosite abbiamo contattato gli organizzatori del festival e da lì è partita l’approvazione a partecipare ai concerti con vari artisti come Mr. Rain, Francesca Michielin e Lo Stato Sociale.


Quindi lo studio e le interpretazioni dei testi musicali sono nati con Ermal Meta?

Chiara: Per quanto riguarda l’interpretazione pubblica sì; ma lo studio, la ricerca e l’interpretazione dei brani musicali è antecedente a questo lavoro. Siamo tutti ragazzi appassionati di musica, chi suona uno strumento, chi danza e la traduzione dei testi è una cosa che ci accomuna; a volte è anche una vera e propria forma di allenamento. In merito a ciò ci siamo resi conto che c’è una mancanza di interpretazione in questo ambito e quello che ci proponiamo di fare con il nostro contributo è di rendere accessibile a chiunque un evento importante come può essere quello dell’Home Festival.


Secondo voi c’è o non c’è abbastanza rappresentanza per la comunità dei sordi in questi contesti?

Chiara: Negli Stati Uniti c’è una realtà diversa, si trovano interpreti in molti più concerti, specialmente nel mondo del rap. L’Italia purtroppo non ha ancora riconosciuto la LIS a differenza della maggior parte dei paesi europei. Questa condizione penalizza perché in eventi come i live musicali o manifestazioni varie succede davvero raramente di trovare degli interpreti LIS.

Sarebbe bello se tramite le diverse associazioni ci si attivasse di più per riuscire a superare questo limite, potremmo essere tanti puntini che insieme possono realizzare qualcosa di grande come stimolare il riconoscimento della LIS o anche avere i sottotitoli ai concerti o al cinema.

Quello che ci preme far notare è la potenzialità artistica della lingua dei segni, soprattutto messa in musica. La traduzione e l’interpretazione di testi musicali non è mai una sola, è una cosa molto personale, va in base a quello che vedi e provi prima di mettere tutto in lingua dei segni.


A proposito di ciò, voi oggi interpreterete anche canzoni de Lo Stato Sociale. I loro testi contengono un sacco di giochi di parole, come avete affrontato questa sfida della traduzione?

Chiara: In questo contesto ci aiutano tanto le espressioni facciali, specie con il gruppo dello Stato Sociale che spesso usa giochi di parole per comunicare una critica sorridente della società. L’interpretazione non è mai letterale, infatti possiamo decidere di usare una mimica piuttosto che un’altra per rendere meglio un concetto.


Continuando a parlare di interpretazione dei testi, quanto tempo impiega questo lavoro? Per cercare di preparare una traduzione al meglio serve essere aiutati da sordo?

Rebecca: Sicuramente la vicinanza alla comunità sorda aiuta, quindi quanto più si frequenta questo contesto tanto più si cresce e si fanno proprie le gestualità e i modi di dire. Agli inizi sicuramente è più difficile e si è ancora legati alla lingua italiana nella costruzione delle frasi e quindi difficilmente si riesce a discostarsi dalla traduzione letterale per entrare in quella visiva.


È difficile quindi il lavoro di discostarsi dalla lingua italiana per ragionare nella lingua dei segni?

Chiara: È un lavoro complesso più che altro. Bisogna percepire il suono e acquisire il significato delle parole, successivamente trovare i sinonimi e cambiare la sintassi delle parole per poi tradurlo in lingua dei segni.

Rebecca: Ovviamente dopo anni e tante esperienze si acquisisce una capacità dove diventa semplice ed automatico tradurre un discorso in simultanea.


Questa è quindi la prima volta che partecipate ad un concerto con Lo Stato Sociale, che sono tra l’altro tra gli headliner del festival. Come vi sentite? Avete qualche paura?

Rebecca: Sentiamo tantissime emozioni ma soprattutto siamo cariche e non vediamo l’ora. Speriamo non ci buttino giù dal palco o facciano cose strane visti i loro concerti molto movimentati.


Concludendo, cosa vorreste fare dopo questa esperienza all’home festival?

Chiara: Sicuramente continuare il nostro percorso all’interno della onlus nell’ambito sanitario e parallelamente continuare con le collaborazioni per cercare di sensibilizzare anche tanti artisti. Cercare di far partire una vasta rete di servizi anche in diversi ambiti. Ci piace molto spaziare e lasciarci coinvolgere con altri enti, siamo giovani e abbiamo voglia di migliorare sempre di più e diventare un gruppo più vasto.

Rebecca: Concordo perfettamente con chiara, sicuramente il farci notare ad eventi come l’Home Festival o il concerto con Ermal Meta permette di avere a che fare con un pubblico vasto che ha la possibilità di confrontarsi ed interrogarsi su questa realtà.



<sub>Crediti immagine Paolo Tonus</sub>
homefestival, lis, lo stato sociale, polis