IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2017 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

La resa dei “Conti”
Retroscena e polemiche della penultima serata del Festival
   13 Feb 2016   |     Redazione   |     Michela Turri   |     permalink   |      commenti
Ci eravamo lasciati con la promessa che vi avremmo fatto vivere un festival speciale e che grazie a questa spedizione l'interesse nei confronti della kermesse sarebbe aumentato, non possiamo quindi che raccontarvi quello che sta succedendo nelle ultime ore.

Abbiamo sguainato le spade e combattiamo tutti i giorni contro il sonno la mattina, contro il cibo che non si fa trovare in cucina e contro i microfoni che fanno scherzi di dubbio gusto. Ma il nemico più ingombrante è il buonismo generale che si respira in sala stampa durante le conferenze e che sfocia immancabilmente in un fiume di domande di rito, che hanno come leitmotiv il costante elogio dell’operato di chiunque si trovi al di là della barricata. Fortunatamente qualche (rara) eccezione c’è e abbiamo cercato di farne parte con le domande dei nostri inviati.

Pezzo forte del viaggio è la convivenza in sala stampa con tutte le radio, tv e testate qui presenti. Per darvi un'idea, seguire le serate del festival dalla sala stampa è un po’ come trovarsi con gli amici a veder giocare la squadra del cuore: commenti, fischi e applausi arricchiscono la puntata e rendono più avvincente la gara. Potete quindi immaginarvi le reazioni riguardo la spiacevole vicenda tra le due Nuove Proposte Miele e Francesco Gabbani: la prima è stata proclamata vincitrice della sfida, per poi essere raggiunta al telefono dalla Rai che le comunicava invece il passaggio del turno di Gabbani.

Vorremmo però mettere a fuoco quello che è successo.

Aperta la votazione i giornalisti hanno immediatamente comunicato un problema tecnico col “votatore”, ma IPSOS, azienda a cui è stata affidata la gestione del televoto, ha comunque deciso di inviare i risultati all’Ariston, dove Carlo Conti ha proclamato Miele vincitrice della sfida. Parallelamente si è ripetuta la votazione che ha ribaltato il risultato precedente facendo passare il turno a Gabbani e giocando un brutto scherzo alla povera cantante siciliana. Nando Pagnoncelli, presidente IPSOS, ha dichiarato in sua difesa che il regolamento non prevede un numero minimo di votanti né altre clausole che gli impediscano formalmente di procedere. Alla luce di quanto è stato dichiarato da Giancarlo Leone (direttore di Rai Uno), Pagnoncelli e dai giornalisti in sala stampa che hanno vissuto in prima persona l’accaduto, ci sembra che il problema sia stato non tanto l’inconveniente tecnico, che può sempre capitare, quanto piuttosto la decisione presa. Si poteva infatti aspettare e dare il risultato in un secondo momento motivando il perché del ritardo, anziché comunicare velocemente un risultato non certo.

A margine di quanto successo risultano sconcertanti le reazioni del duo IPSOS/Rai e della sala stampa. I primi, nonostante abbiano esordito quest’anno affermando la loro piena disponibilità e volontà nell’accogliere riflessioni e critiche provenienti dal mondo giornalistico, ostentano una difesa incondizionata su qualunque problematica messa in luce durante i consueti appuntamenti con tv e carta stampata. La sala stampa invece, ignorando l’errore tecnico e il conseguente danno a Miele, ha immediatamente esultato per Gabbani. Nessuno critica il tifo in sé, che è assolutamente legittimo, ma è triste vedere trascurati i sentimenti delle persone che subiscono danni di questo tipo. A Miele è stato concesso di cantare nuovamente ieri sera fuori gara, una magra consolazione a fronte di quanto accaduto. Forse sarebbe stato più corretto chiedere scusa per la mal gestione dell’accaduto. Ironia della sorte la vicenda si è chiusa ieri sera con la vittoria per Francesco Gabbani nella sezione nuove proposte e del Premio della Critica “Mia Martini”.

francesco gabbani, miele, sanremo, sanremo 2016