IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2008-2018 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Iniziativa realizzata con il contributo del POLITECNICO DI MILANO

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

Ci sentiamo Poi
Quattro chiacchiere con il Giorgio Poi sulle panchine del Magnolia aspettando l'esibizione al WOW
   08 Nov 2017   |     Redazione   |     Chiara Papèra   |     permalink   |      commenti
Lo scorso 28 ottobre WOW- roba fresca a milano ha aperto ufficialmente la sua stagione invernale invitando sul palco Giorgio Poi, e non potevo certo farmi scappare un'occasione del genere per complimentarmi con lui per il suo primo ultimo album, “Fa Niente”, uscito a febbraio.

Giorgio Poi ha vissuto parte della sua infanzia a Lucca, come me, quindi avrei voluto tanto esordire con una domanda sui suoi ricordi lucchesi e chiedere magari un saluto agli amici che ancora abitano lì, atteggiamenti campanilisti che emergono solo quando incontri qualcuno che ti ricordi casa quando è un po' che non ci fai ritorno.

Purtroppo il mio accento toscano mi ha tradita prima di poter iniziare l'intervista e la mia agognata domanda con tanto di rivelazione delle nostre radici comuni è stata bruciata da un “Ah ma di dove sei?”. Quindi dopo aver parlato di ricordi belli e brutti legati alla nostra gioventù e concluso questo cameo nostalgico, ho iniziato effettivamente con le domande a proposito del disco.

(LA PARTE INTERESSANTE INIZIA QUI)

Questo mese hai fatto uscire con la ristampa in vinile di "Fa Niente" due tracce inedite: come mai sono state inserite nell'album vecchio invece di aspettare l'uscita di uno nuovo?

GP-Avevo scritto questi pezzi da circa un mese e non mi piace far invecchiare i brani nel cassetto, quindi avevo urgenza di farli uscire adesso. In più faceva comodo anche a livello promozionale.

Su Facebook hai annunciato l'uscita di “Semmai” dicendo che è un brano al quale vuoi molto bene. Perché ci sei cosi affezionato?

GP- È il primo pezzo che ho scritto tornato in Italia dopo 11 anni. Non è una canzone particolarmente allegra nonostante fossi molto contento di essere tornato, è una fotografia del momento in cui ero di passaggio dai miei. Ero tornato a casa dei miei genitori con tutto quello che comporta tornare alla vita di quando hai 19 anni quando ne hai molti di più, che è molto strano e sembra di vivere in una fotografia vecchia.

Hai consigli musicali da suggerire a Poliradio?

GP- Ultimamente ho ascoltato un disco di Andy Shauf che mi paice molto e Si chiama “The Paty”, lui è un musicista canadese che scrive veramente bene e gli arrangiamenti sono molto interessanti. Un altro disco che mi piace molto è “Ege Bamyasi” dei Can che sono un gruppo tedesco di Krautrock

Per concludere: Il tuo tour invernale ha inizio qui, al Magnolia. Perché è molto lunga la strada che da Milano porta in paradiso?

GP- In realtà non voleva essere una frecciatina a Milano. La canzone parla di una ragazza che se ne va per cercare una nuova felicità, e dal punto di vista di chi viene lasciato probabilmente questo paradiso che lei ha in mente non esiste e non verrà trovato altrove.

Per ascoltare l'intervista completa non dovete fare altro che cliccare play qui sotto, mentre qui potete ascoltare"Fa Niente" su Spotify.
circolo magnolia, giorgio poi, indie, intervista, wow