IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2017 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

Archivio

Tag Popolari

(Nor)male non andare a teatro
Com'è andare a vedere un musical se di solito i musical non ti piacciono? Spoiler: una figata!
   21 Ott 2017   |     Redazione   |     Alessandra Stefanini   |     permalink   |      commenti
Quando il tuo livello di ignoranza in ambito artistico/culturale rasenta il capra-urlante-selvatica e quando sei uno dei tanti pigroni (=tantissimi/troppi/tutti) che in Italia non va a teatro abbastanza spesso, è inutile parlare e basta di quanto sia importante. Sii una capra-leader, portati da solo a teatro e racconta agli altri quanto è bello essere almeno uno di quelli che ci provano. Magari fallo andando a vedere uno spettacolo che normalmente non consideri nelle tue corde e che pensi di mal sopportare, tipo i musical. All in.

È quello che ho fatto andando alla prima milanese della versione italiana di Next to Normal .
Next to Normal è uno spettacolo musicale tra i maggiori successi di Broadway degli ultimi anni, vincitore di tre Tony Awards e del prestigioso premio Pulitzer per la drammaturgia. Approda in Italia grazie a STM in collaborazione con Compagnia della Rancia, con la regia di Marco Iacomelli e la produzione di Andrea Manara e Davide Ienco.

Abbiamo avuto l'enorme piacere, prima dello spettacolo, di intervistare alcuni dei protagonisti («Assoluti? No, diciamo solo i due più anziani!»), Francesca Taverni e Antonello Angiolillo e il regista Iacomelli, che hanno dimostrato una disponibilità fuori dal comune. Cogliamo quindi l'occasione per ringraziarli ancora una volta per la calda accoglienza e l'estrema gentilezza, che emoziona sempre un po' quando arriva da professionisti di questo calibro.

Troverete i podcast con le loro interviste e i dietro le quinte in calce a questo articolo.

COSA NON È NEXT TO NORMAL
Non è un vero e proprio musical, soprattutto nell'accezione che i meno avvezzi possono conferirgli normalmente. È teatro musicale, quasi prosa cantata, ed è qualcosa che si apprende sia dai racconti degli attori protagonisti che dai primissimi minuti di spettacolo.
Non è uno di quegli spettacoli nella quale «sono tutti contenti e cantano anche "Che bello andare a fare la spesa!"».
Non suona inutile, non è troppo lungo, non è un genere. Non è un complesso fondale pieno di dettagli nei quali distrarsi. Non è un'accozzaglia di voci sconosciute e distanti.

COS'È NEXT TO NORMAL
Next to Normal è la storia di una semplice famiglia americana che deve fare i conti con gli effetti che il disturbo bipolare della madre avrà sulla vita di tutti loro.
È uno splendido momento di riflessione, letteralmente, che dura due ore ma nel quale vorresti restare per giorni, come sotto le coperte durante le prime vere mattine di autunno. È la voce paurosamente limpida di un dolore quotidiano, personale e familiare allo stesso tempo, sociale ma intimo nello stesso istante. È il silenzio della banalizzazione delle malattie mentali, cantato con sorprendente fermezza rock.

È un racconto di voci familiari, in ambienti del cuore, con problemi nell'anima.
È un armonioso ritmo di momenti comici e musiche, dolci e aggressive, che si alternano alle difficoltà della vita e incorniciano le dinamiche familiari, le piccole gioie e le grandi malattie.

È la lucidità con cui ci si immerge nell'essenza dei protagonisti, che si raccontano con profonda umanità e purezza: dalla struggente comprensione di assenza e impotenza da parte di Diana (Taverni, in "Mancano i monti" ); alla frustrazione rabbiosa di Natalie (Adriani, in "Superboy e l'invisibile me" ) e le barcamentanti incapacità di Dan (Angiolillo, presenza costante e solida durante tutto lo spettacolo).

È una scenografia essenziale, come le dinamiche domestiche, ma monumentale nella sua modularità e nei suoi contrasti. I blocchi di luce di sfondo segmentano sapientemente le fasi narrative, creano e sottraggono profondità (anche verticale) alle scene con l'ausilio di fari bianchi puri sui protagonisti, e infine enfatizzano momenti razionali ed emozionali con sfumature o tonalità brillanti.

NEXT TO NORMAL È AL TEATRO DELLA LUNA (Assago, MI), DAL 19 AL 29 OTTOBRE 2017

Salvatore Sisca

Interviste di Alessandra Stefanini

(foto di copertina di Gaetano Cessati)



iacomelli, musical, next to normal, stm, teatro della luna