IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2008-2018 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Iniziativa realizzata con il contributo del POLITECNICO DI MILANO

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

Sharewood: una startup per viaggiare come si deve
Un'idea innovativa(e comoda) per fare sport ovunque
   29 Mar 2017   |     Silicon   |     Michela Turri   |     permalink   |      commenti
Lo sport unisce. Non è una novità e non sono certo io la prima a scriverla. È un concetto semplice eppure riesce a stupire ogni volta per il modo in cui sa unire sconosciuti, persino culture diverse, in nome di una passione in comune.

È questa anche la forza di Sharewood: per raccontarla infatti non basta dire che è una piattaforma in cui si condividono le proprie attrezzature sportive in giro per l’Italia (e per l’Europa), ma bisogna dire innanzitutto che è una community composta di persone (attualmente più di 10’000) che amano viaggiare nel senso più completo del termine: scoprire posti e persone nuove, anche grazie allo sport.

Lunedì scorso sono stati ospiti a Silicon Piercarlo Mansueto, founder e CEO, Giulia Trombin, COO e Benedetta Caridi, responsabile di comunicazione. Ci hanno raccontato com’è nata l’idea e come si è sviluppata. “Gambe in spalla” è un’esortazione famosa che loro hanno preso quasi alla lettera: per riuscire ad affermarsi hanno portato sci, caricato le loro macchine di biciclette, hanno pedalato in Finlandia. Tutto per un’idea che ad oggi consta di oltre 25’000 prodotti caricati, più di 170 soci e parecchi riconoscimenti ( Edison Pulse, Vertical VC, Unicredit Start Lab, solo per citarne alcuni).

Qui sotto il podcast della puntata insieme a loro, dal 2 al 4 aprile a FieraMilanoCity troverete invece Sharewood, con sorprese riservate alla #Bit2017, fiera internazionale del turismo.

Michela Turri
bit2017, community, sharewood, startup, turismo