IN RIPRODUZIONE

DA WEBCAM

LOADING

LICENZA SIAE 4918-I-4588 | LICENZA SCF 937/14

© 2017 POLI.RADIO | TUTTI I DIRITTI RISERVATI

Nascondi dock Mostra dock

Very Long Song Artist

Very Long Song Title

INNER_SPACES 2016-2017
Trittico russo #1
   20 Nov 2016   |     Redazione   |     Alessandra Stefanini   |     permalink   |      commenti
Lunedì 14 novembre, all’auditorium San Fedele, a due passi dal duomo di Milano, si è tenuto il terzo spettacolo di INNER_SPACES: Identità Sonore ed Elettroniche, rassegna di musica elettronica sperimentale giunta ormai alla terza edizione e di cui POLI.RADIO si conferma media partner.

La serata ha aperto il ciclo TRITTICO RUSSO, che prevede la presenza di un artista russo per ogni evento, ed è stata inaugurata da Andrew Pekler, seguito da Paul Jebanasam, artista di origini australiane; due esibizioni molto differenti le loro, ma che hanno saputo congiungersi perfettamente.

Per accompagnare la sua esibizione, Peckler ha scelto visuals molto particolari: più inquadrature di soggetti simili, come fogliame o particolari di monumenti, proposte in modo da non lasciare chiaramente intendere cosa fossero, giocando con trasparenza e movimento. La scenografia si accompagnava direttamente alla musica, che potremmo avvicinare all’Ambient con influenze Minimal, anche se è come sempre difficile inquadrare gli artisti proposti in questa rassegna, che punta sull'originalità e su idee innovative.

La performance nel suo complesso permette di visualizzare l'idea di cosa s’intenda per “Inner Spaces”: portare lo spettatore a perdersi tanto dentro se stesso, quanto nella musica e nelle installazioni visive dell’artista.

Ancora diverso e unico è Paul Jebanasam: la sua musica, spiccatamente di influenza orchestrale, si basa più sulla potenza di suono e su un eccellente soundscaping, come sempre esaltato in modo unico dal sistema Acusmonium Sator, eccellenza tecnica di cui San Fedele è orgoglioso proprietario.

Intervistato dai nostri speaker, Paul ci racconta la sua volontà di creare uno spazio interiore che sia molto soggettivo, tanto che, durante la chiacchierata, non ha voluto spiegarci se non a grandi linee, il concept del Continuum, la suite che ha eseguito per noi. Divisa in tre parti molto diverse, sia dal punto di vista della lunghezza sia dello stile, l'opera lascia spazio all’immaginazione, sfruttando in modo eccellente il sistema con più di 60 casse indipendenti.

Il prossimo appuntamento del trittico sarà per il 28 novembre con la proiezione acusmatica del film Stalker di Andrej Tarkovskij, al centro della stagione un cin’acusmonium e film ispiratore del ciclo INNER_SPACES, accompagnato dall'interpretazione di Dante Tanzi.

Il ciclo russo si concluderà il 5 dicembre, con una serata a cura di Marco Mancuso in collaborazione con Digicult, che proporranno in esclusiva italiana Ivan Pavlov / CoH, un riferimento importante nella musica elettronica contemporanea, seguito da Nicola Ratti, ben noto al pubblico milanese.
andrew pekler, inner spaces, paul jebanasam, san fedele musica, trittico russo